Vai al contenuto

Terre da Raccontare 2022

    Rassegna di letture con musica dal vivo nella provincia di Bergamo

    Da Maggio a Luglio, 8 serate estive in 8 Comuni, tra cascine, parchi e colline.

    Una prima edizione, tutta dedicata ad autori bergamaschi, d’origine o d’adozione, per scoprire il patrimonio letterario locale. Comicità e grottesco, commozione e tenerezza, vivacità e leggerezza, storia e finzione, ricordi e sogni: tutto quello che le terre hanno da raccontare…


    VUOI CONOSCERE I PROSSIMI APPUNTAMENTI?


    Il Programma della Rassegna

    Organizzazione Terre del Vescovado

    Direzione Altre Stanze Teatro

    Riduzioni dei testi Francesca Beni

    Inizio Ore 20.45

    Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti

    26 Maggio – “Piccole storie di un uomo qualunque”

    Bagnatica, Casello San Marco, via dei Colli 16
    (in caso di maltempo, Sala Consiliare c/o Municipio)

    L’autore
    Camillo Vittici, medico, autore di numerosi testi teatrali
    Gli artisti
    Giuliano Gariboldi, Docente del CUT di Bergamo, collabora con Erbamil e Ronzinante Teatro
    Anna Conti, Flautista
    Elena Moretti, Pianista

    La location è provvista di sedute. Se lo si desidera è possibile anche portare un plaid per assistere allo spettacolo sedendosi sul prato.

    “Il Nando, personaggio attorno al quale si dipanerà questa storia senza capo né coda, ma caratterizzante i variegati personaggi di un paesetto di provincia, era un uomo semplice. Era quello che si poteva definire un buono; un carattere mite che a volte, tuttavia, quando s’incazzava davvero, poteva convertirsi in fulmini e saette”.
    Inizia così questa storia sulla strampalata vita coniugale del Nando e della Pina, due comici personaggi che non possono non strappare una risata.


    16 Giugno – “L’uomo che rovinava i sabati”

    Pedrengo, Parco “Natura e comunità”, via Giardini 27a
    (in caso di maltempo: Sala Polivalente Vincenzo Signori, via Giardini 6)

    L’autore
    Alan Poloni, ex-insegnante ora libraio e scrittore, ha pubblicato due romanzi
    Gli artisti
    Marco Pepe, Attore e co-fondatore di Altre Stanze Teatro, membro della Compagnia della Mola
    Michele Marinini, Musicista ed attore

    Brani tratti dall’omonimo romanzo di Alan Poloni.
    Nell’enclave della Val Crodino, diversi sono i personaggi le cui storie si intrecciano. Questa serata è dedicata ad uno di loro, Jack Ebasta, un poeta tardo-beat in eterna lotta con esametri ed etilometri, che al termine dei reading ama rimorchiare dame in rosso. Un poeta che vive una vita di stenti, perennemente alle prese con una tendenza autodistruttiva che ce lo fa amare e che, amaramente, risulta divertente.


    19 Giugno – “Mio figlio è un tappeto elastico”

    Bolgare, Parco Nocchetto, via Alessandro Manzoni 26, ore 20.45
    (in caso di maltempo: Palazzo Berlendis, via Sant’Antonio 1)

    L’autore
    Lorenzo Vacca, giovanissimo autore di racconti sul sito Typee.it, è alla sua prima pubblicazione
    Gli artisti
    Marco Pepe, Attore e co-fondatore di Altre Stanze Teatro, membro della Compagnia della Mola
    Alberto Forino, Pianista e compositore, affianca all’attività concertistica l’attività didattica

    Racconti tratti dall’omonima raccolta di Lorenzo Vacca.
    Una serie di racconti che prendono spunto dai classici della letteratura fantastica, per dare vita ad avventure in bilico tra il comico ed il grottesco. Protagonisti di queste storie surreali sono i membri della famiglia Giusto, alle prese con situazioni fuori dall’ordinario da cui ciascuno di loro fa il possibile per uscirne indenne. O almeno, fa il possibile.


    23 Giugno – “Vecchio al Monte”

    Montello, Parco Area Alpini, via dell’Assunzione 4
    (in caso di maltempo: Auditorium Comunale c/o Municipio)

    L’autore
    Alberto Gherardi, tecnico di viabilità alla Provincia di Bergamo, ha pubblicato diversi romanzi e racconti
    Gli artisti
    Federica Molteni, Attrice e formatrice, co-fondatrice di Luna e GNAC Teatro
    Giorgio Riva, Chitarrista

    Racconto integrale di Alberto Gherardi.
    “Cesco si sentì per la prima volta vecchio quella volta in cui si portò il cane in casa per la notte”.
    L’incipit di questo incantevole racconto racchiude due dei tre protagonisti di questa storia: un vecchio solitario ed il suo cane. Ma ben presto la montagna emerge nel racconto come presenza stabile, luogo dove la solitudine cede il posto alle relazioni. Una storia delicata e commovente, capace di lasciare un segno.


    1 Luglio – “Un medico di campagna”

    Costa di Mezzate, Anfiteatro Comunale, via Roma 19 (dietro il Municipio)
    (in caso di maltempo: Sala Consiliare c/o Municipio)

    L’autore
    Sergio Stefanini è stato medico ed autore di racconti pubblicati su riviste locali
    Gli artisti
    Damiano Grasselli, Direttore artistico e co-fondatore di Teatro Caverna
    Daniele Bosco, Chitarrista

    La riduzione dell’omonima autobiografia di Sergio Stefanini.
    La vita di Stefanini, medico a Costa di Mezzate, quando la figura del medico di base era centrale nel tessuto sociale del paese: la fine della guerra, la grande possibilità di iscriversi all’Università, le lezioni accademiche, l’inizio della professione…
    Un racconto personale che offre anche uno spaccato della vita nella provincia bergamasca a partire dal dopoguerra.


    3 Luglio – “Le impronte del male”

    Gorlago, Parco Comunale, via G. B. Caniana
    (in caso di maltempo: Sala Civica c/o Municipio)

    L’autore
    Fabio Paravisi, scrittore e giornalista del Corriere della Sera, per anni anche redattore di quotidiani di Bergamo e Milano
    Gli artisti
    Francesca Beni, Attrice e formatrice, fondatrice di Altre Stanze Teatro
    Enzo Valeri Peruta, Direttore artistico e co-fondatore della Compagnia La Pulce
    Pierangelo Frugnoli, Musicista e compositore, collabora con diverse compagnie teatrali bergamasche

    Un divertente giallo tratto dall’omonimo romanzo di Fabio Paravisi.
    La storia prende spunto da un fatto di cronaca avvenuto a Bergamo nel 1859. Francesco Monticelli, mediatore nella compravendita di terreni e bestiami, viene assassinato da tre briganti per una manciata di soldi. Le strampalate indagini sono condotte da una coppia improbabile – Nino Fainella, carabiniere, e Defendente Pagnoncelli, guardia di pubblica sicurezza – tra contadini, garibaldini, osti e nobili, in una Bergamo dei primi anni dell’Unità d’Italia, dove al posto del Sentierone c’era la Fiera, dove Città Alta era la zona più degradata e tutt’attorno campagna.


    14 Luglio – “Bergamo dell’altroieri”

    Seriate, Teatro Tenda c/o Biblioteca Comunale Giacinto Gambirasio, via Italia 58

    L’autore
    Paolo Aresi, giornalista e scrittore, vincitore con il romanzo “Oltre il pianeta del vento” del Premio Urania
    Gli artisti
    Francesca Beni, Attrice e formatrice, fondatrice di Altre Stanze Teatro
    Alberto Forino, Pianista e compositore, affianca all’attività concertistica l’attività didattica

    Una selezione di storie tratta dall’omonimo romanzo di Paolo Aresi.
    Storie vere, coinvolgenti ed emozionanti, che fanno rivivere una Bergamo dimenticata attraverso personaggi indimenticabili: il professor Costanza ed il suo elisir di lunga vita, la portinaia di via Masone, i preti, i ciclisti, i calzolai e gli artisti, quelle che facevano “la vita” e le bambine dalle suore, chi giocava a Briscola, chi faceva parte della Filodrammatica ed il Pianetti che in Città Alta trovò il suo epilogo.
    “Perché le storie salvate, le vicende che possiamo leggere, rivivono: il passato può continuare a parlare e a regalarci emozioni, che ci fanno sentire più vivi e parte di qualcosa”. Paolo Aresi


    30 Luglio – “Racconti nel camino”

    Scanzorosciate, Cascina San Giovanni, via S. Giovanni 1

    L’autore
    Corrado Fumagalli è stato co-fondatore del gruppo CustodiS ed è a lui che si deve la trilogia di testi dedicati a Scanzorosciate, di cui “Racconti nel camino” fa parte
    Gli artisti
    Francesca Beni, Attrice e formatrice, fondatrice di Altre Stanze Teatro
    Raffaella Bovo
    , Violista e violinista
    Suleima Burrafato
    , Pianista

    La riduzione dell’omonimo testo di Corrado Fumagalli.
    Episodi, racconti e tradizioni della Scanzorosciate che ha rappresentato la vita dell’autore, fin dall’infanzia. Emergono ritratti di personaggi che risultano toccanti, dai tratti vividi. Fumagalli riesce, talvolta strappando un sorriso, a commuovere per la natura umana così bene tratteggiata.
    Una cornice storica che trascende il tempo, per raccontarci un passato le cui dinamiche ci sono ancora oggi familiari: il tempo passa, mutano le situazioni ed i contesti, ma la condizione umana di un piccolo paese è qui visibilmente universale.